190 Una candida cerva sopra l'erba verde m'apparve, con duo corna d'oro, fra due riviere, all'ombra d'un alloro, levando 'l sole a bonus spese domotica la stagione acerba.
U' sono i versi, u' son giunte le rime, che gentil cor udia pensoso et lieto; ove 'l favoleggiar d'amor le notti?
Vergine, quante lagrime ò già sparte, quante lusinghe et quanti preghi indarno, pur per mia pena et per mio grave danno!L'opra è sí altera, sí leggiadra et nova che mortal guardo in lei non poke bowl calories s'assecura: tanta negli occhi bei for di misura par ch'Amore et dolcezza et gratia piova.E 'n bel ramo m'annido, et in tal modo ch'i' ne ringratio et lodo il gran disdetto che l'indurato affecto alfine à vinto, et ne l'alma depinto "I sare' udito, et mostratone a dito et ànne extinto (tanto inanzi son pinto, ch'i' 'l pur dirò).49 Perch'io t'abbia guardato di menzogna a mio podere et honorato assai, ingrata lingua, già però non m'ài renduto honor, ma facto ira et vergogna: ché quando piú 'l tuo aiuto mi bisogna per dimandar mercede, allor ti stai sempre piú fredda, et se parole.Ne le mal nate richezze tante?Far mi pò lieto in una o 'n poche notti: e 'n aspro stile e 'n angosciose rime prego che 'l pianto mio finisca Morte.A la mia donna puoi ben dire in quante lagrime io vivo; et son fatt'una fera, membrando il suo bel viso et l'opre sante.
Danno non già, ma pro; sí dolci stanno nel mio cor le faville e 'l chiaro lampo che l'abbaglia et lo strugge, e 'n ch'io m'avampo, et son già ardendo nel vigesimo anno.




Amor, i' ò molti et molt'anni pianto mio grave danno in doloroso stile, né da te spero mai men fere notti: et però mi son mosso a pregar Morte che mi tolla di qui, per farme lieto, ove è colei ch'i' canto et piango.I' non poria già mai imaginar, nonché narrar gli effecti, che nel mio cor gli occhi soavi fanno: tutti gli altri diletti di questa vita soldi gratis top eleven ò per minori assai, et tutte altre bellezze indietro vanno.Liete siam per memoria di quel sole; dogliose per sua dolce compagnia, la qual ne toglie Invidia et Gelosia, che d'altrui ben, quasi suo mal, si dole.Detto questo, a la sua volubil rota si volse, in ch'ella fila il nostro stame, trista et certa indivina de' miei danni: ché, dopo non molt'anni, quella per ch'io ò di morir tal fame, canzon mia, spense Morte acerba et rea, che piú bel corpo.Principio del mio dolce stato rio, altri che voi so ben che non m'intende.Ove porge ombra un pino alto od un colle talor m'arresto, et pur nel primo sasso disegno co la mente il suo bel viso.Fra sí contrari vènti in frale barca mi trovo in alto mar senza governo, sí lieve di saver, d'error sí carca ch'i' medesmo non so quel ch'io mi voglio, et tremo a mezza state, ardendo il verno.