come si gioca a ciuccio con le carte napoletane

Ogni sbaglio paga lAsino: Se un giocatore ha già preso 2 mani e gioca un seme il secondo giocatore (non avendo il seme) deve passare briscola (qui cè il rischio) sapendo che il terzo sta giocando da Re, questo se ha il Re come.
Magari un sistema per appassionare anche le nuove generazione sarebbe quello di creare versioni più attuali, gratta e vinci attivi accattivanti e tecnologiche.
Il 7 e mezzo realizzato con due sole carte (un 7e una figura, oppure la Matta e una figura oppure la Matta e un 7) è detto 7 e mezzo reale o 7 e mezzo legittimo.
Ogni volta che viene vinta la posta e si fa una nuova puntata o esce la Matta si cambia il mazziere verso destra.(Tecniche adottabili quando si gioca con dei bambini.).Ovviamente dopo che tutti hanno deciso cosa fare ciascun giocatore che ha lasciato il gioco precedentemente può comprare carte e giocare, a questo punto, obbligatoriamente.Lo scopo del gioco è di evitare di essere l'ultimo giocatore che ha in mano la regina spaiata.Se un giocatore sballa o realizza 7 e mezzo deve farlo notare immediatamente scoprendo anche la prima carta ricevuta.Nei giorni di festa, assieme ai propri familiari, può ancora capitare di cimentarsi in tradizionali giochi di società, riuniti attorno a un tavolo.90 torna indietro di tanti punti quanti ne eccede e se si ferma su unoca retrocede di nuovo.
Le carte: Viene utilizzato un mazzo da 40 carte figurate, di solito carte napoletane o piacentine, con i semi italiani: denari, spade, coppe e bastoni.




Il gioco apparve per la prima volta in Inghilterra nella sua versione stampata e si diffuse velocemente per tutta lEuropa con soggetti anche diversi per ogni casella a seconda del periodo storico.Sorchetta * Piatto o Banco altro gioco simile ma più rischioso è il Piatto o Banco, anche qui regole semplici, ogni giocatore punta il Piatto (che va deciso e il mazziere giocando in senso antiorario offre una carta ad ogni giocatore, questo prima di riceverla.Quando resta una sola carta in gioco, la partita ha termine.Antichi giochi di Natale in famiglia. Per 8 giocatori: se si gioca in 8, quando il giocatore di sinistra taglia il mazzo, fa vedere il seme alzato, che diventa il Trionfo del turno, questo va ricordato da tutti, poi il Cartaro rimischia e distribuisce tutte le carte prima.Se un altro giocatore fa 2 prese come il quarto la posta rimane, cè però un giocatore che avrà fatto una presa ed uno che mette lAsino (quindi la posta rimane, più la posta dellAsino, più la nuova puntata, ecco in un attimo si triplica.La Bestia settecentesca era diversa da quella odierna descritta qui.Si possono utilizzare varianti basate sulla rimozione di tre (o anche uno solo) re o fanti, al posto delle regine.Ad alcuni giocatori può capitare una carta in più, ma questo non rappresenta un problema.Baccarà bambini, biliardo bocce bridge briscola calcio campionato carta e penna carte collezionabili dama familiare fantascienza fantasy gioco cinese gioco giapponese gotico horror internazionale iran italiani manga party pedine poker punk regionali rompicapo ruolo scacchiera scolastici scopa solitario spazio strategia tavoliere tradizionali tressette wargame.Metodo 1 Preparazione del Mazzo 1, con un mazzo completo di carte francesi possono giocare dai 3 ai 6 giocatori.Metodo 2 Sequenza di Gioco 1, scarta le coppie che ti ritrovi nella mano appena distribuita.Vince la mano o presa la carta più alta del seme di apertura o la briscola più alta.Queste tecniche sono anche descritte nella puntata.
La Scacchiera o Tabellone da gioco è formato da un percorso a spirale formato da 90 caselle (gli antichi tabelloni da 63 caselle).



Ebbe poi una rapida diffusione in tutta Italia e anche oltre, sviluppando molte varianti.