Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale (I livello incentivo per l'attivazione del contratto compreso tra.000 e.000 euro, sulla base dell'età.
Invece, agli investimenti realizzati a cavallo dei due periodi sopra indicati (cioè, in parte ante e in parte dopo) si applicano i due diversi regimi in base alla data di acquisizione dei beni.Beneficiari, le aziende, comprese quelle che esercitano attività artigianali o altre attività a titolo individuale o familiare, società di persone o associazioni che esercitano regolarmente unattività economica, con sede legale e/o operativa nel Lazio, che abbiano assunto dal o assumano nei prossimi mesi una persona.Si ricordi che la disciplina previgente, invece, stabiliva una misura massima del 20 per le piccole imprese, 15 per le medie imprese e 10 per le grandi imprese.Contratto a tempo determinato maggiore o uguale a 12 mesi full time (anche in regime di somministrazione).000, contratto a tempo determinato maggiore o uguale a 6 mesi full time (anche in regime di somministrazione).500, il Bonus è riconosciuto anche per contratti di lavoro.In particolare, qualora la classe di profilazione del giovane sia molto alta il bonus ammonterà.000 euro.Il beneficiario può utilizzare il credito dimposta maturato solo in compensazione.In tali casi, per effetto della rideterminazione, il credito è computato, per ciascun periodo dimposta di maturazione, escludendo dagli investimenti agevolati il costo dei beni non entrati in funzione ovvero dismessi, ceduti a terzi, destinati a finalità estranee allesercizio dellimpresa ovvero destinati a strutture produttive.Il documento di prassi, inoltre, precisa che, per individuare la disciplina applicabile, non rileva la circostanza che sia stata o meno presentata la comunicazione per la fruizione del credito dimposta, in quanto la nuova normativa non dispone nulla al riguardo.Il nuovo modello di comunicazione, come noto, per la fruizione del bonus, la legge espressamente prevede che i destinatari dellagevolazione (titolari di reddito dimpresa) sono tenuti a presentare una comunicazione allAgenzia delle Entrate, utilizzando lapposito modello messo a disposizione dallamministrazione finanziaria.Con riferimento alla misura del credito, la circolare sottolinea che, alla luce delle descritte modifiche, per la corretta individuazione della disciplina applicabile è necessario delimitare due differenti ambiti temporali.Per ogni comunicazione presentata, lAgenzia rilascia, in via telematica, una ricevuta attestante la fruibilità o meno del bonus.Deve essere trasmesso in via telematica, utilizzando il software.L'accesso avviene tramite partecipazione ad avviso regionale.Sulla disciplina originaria, lAgenzia era già intervenuta con la circolare 34/E del, fornendo i primi chiarimenti interpretativi Recentemente, la normativa in materia è stata oggetto di un significativo intervento di modifica a opera del Dl 243/2016 ( articolo 7- quater, introdotto dalla legge di conversione.




I contributi verranno erogati secondo la procedura a sportello, vale a dire fino ad esaurimento delle risorse disponibili.Assunzioni a tempo determinato o in somministrazione : viene riconosciuto un bonus.500.000 euro, in base alla profilazione del giovane, alla durata del contratto e alle differenze territoriali.Occorre quindi distinguere due differenti ambiti temporali assoggettati a due diversi regimi normativi: acquisizioni di beni effettuate dal l 28 febbraio 2017 : si applica la disciplina previgente (che trova applicazione anche nellipotesi in cui la comunicazione per la fruizione del credito dimposta venga presentata.Rideterminazione del credito Vengono confermate le ipotesi di rideterminazione del credito: mancata entrata in funzione dei beni entro il secondo periodo dimposta successivo alla loro acquisizione dismissione, cessione a terzi, destinazione a finalità estranee allesercizio dellimpresa (o a strutture produttive diverse) dei beni entro.Per maggiori informazioni e per partecipare vai alla pagina web dedicata.In base alla nuova disciplina, infatti, il credito dimposta ora è commisurato alla" del costo complessivo sostenuto per lacquisizione dei beni agevolabili.Il Ministero sta coinvolgendo le aziende anche attraverso la sottoscrizione di protocolli con le principali associazioni di categoria, che prevedono la promozione di percorsi di tirocinio e di contratti di apprendistato e la pubblicazione sul portale nazionale Garanzia Giovani delle offerte di lavoro e delle opportunità.Limite massimo costi ammissibili Sono previsti limiti più elevati relativi allammontare massimo di ciascun progetto di investimento agevolabile: 3 milioni di euro per le piccole imprese (limite precedente 1,5 milioni) 10 milioni di euro per le medie imprese (limite precedente 5 milioni) 15 milioni.Inoltre, grazie all'iniziativa "Jobs for Youth promossa dalla, banca Europea per gli Investimenti (BEI), le imprese possono accedere a servizi quali prestiti agevolati se: assumono un giovane, offrono programmi di formazione professionale ai giovani, hanno stipulato un accordo di cooperazione con istituti scolastici e università.La circolare in esame, peraltro, fornisce alcune importanti precisazioni: lestensione ha effetto a partire dal (data di entrata in vigore delle modifiche alla Carta degli aiuti a finalità regionale, sulla base delle quali la Sardegna è stata inserita nel novero delle regioni per cui.Tirocinio: è prevista un'indennità erogata dalla Regione (minimo 300 euro, sulla base della normativa regionale) direttamente al giovane o rimborsata all'azienda, a cui si accede tramite avviso pubblico regionale.Sono previsti bonus occupazionali per le nuove assunzioni e incentivi specifici per l'attivazione di tirocini e contratti di apprendistato o la trasformazione di un tirocinio in contratto di lavoro; inoltre strumenti di accesso al credito sono messi a disposizione dei giovani per favorire l'autoimprenditorialità.Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Il nuovo modello, unitamente alle istruzioni per la sua compilazione e agli allegati tecnici, deve essere utilizzato: sia per chiedere lautorizzazione alla fruizione del credito dimposta sia per rinunciare a una precedente richiesta o rettificare una comunicazione già inviata, comprese quelle presentate allAgenzia utilizzando.
Pertanto, nel caso in cui unimpresa abbia già inviato la comunicazione secondo le misure originariamente previste, qualora intenda avvalersi delle nuove disposizioni, può presentarne unaltra rettificativa della precedente utilizzando il modello approvato oggi.